Corso di chitarra Ostia

Ci sono due percorsi principali : Accompagnamento ed Improvvisazione.
Cosa ti interessa sviluppare, cosa vuoi imparare per primo?

E` fondamentale capire le esigenze dell’allievo e concentrare l’impegno in modo utile ed efficace.18320-NRJ03Z
Se lo studio è costante sarà possibile vedere in tempi rapidi miglioramenti che daranno a loro volta entusiasmo e nuovi stimoli.

Trovo fondamentale aver chiaro un obbiettivo da raggiungere in termini chitarristici, ad esempio “Desidero accompagnare le canzoni di Battisti”, “Vorrei suonare il blues ed iniziare ad improvvisare”, “Vorrei improvvisare modale” etc..

Compito di un insegnante non è solo spiegare argomenti nuovi, ma anche mettere in chiaro, qualora servisse, cosa offre la musica, cosa si può imparare ed individuare gli obbiettivi dell’allievo.

“La musica è qualcosa di assolutamente meraviglioso e conoscerla non può che aiutare la crescita personale e la scoperta di altri aspetti del mondo che ci circonda e che è dentro di noi”.

Corso base (30 ore*)

Il corso base è il primo passo per tutti coloro che vogliono iniziare a suonare la chitarra. Si cercherà di offrire un approccio semplice ma allo stesso tempo formativo all’allievo.

– Approccio con lo strumento
Le prime nozioni fondamentali, come la postura  delle mano e della schiena per avere un atteggiamento rilassato e propositivo verso lo strumento.

– Studio delle triadi e degli accordi
Imparare i primi accordi è necessario per fare i primi passi nello strumento al fine di riprodurre canzoni ed avere le prime soddisfazioni.

– Studio di semplici melodie
Oltre agli accordi sarà utile suonare e leggere semplici melodie e temi delle canzoni.

– Studio della Ritmica
Imparare i ritmi della musica, in pratica come muovere la mano destra.

– Suonare sulle canzoni
Si chiude il primo livello suonando insieme ai dischi. Bisognerà aver chiaro il concetto di “tempo”, di “click”, delle pause, degli stacchi, come battere il piede a terra poichè tutto questo è necessario per riprodurre una canzone fedelmente.

– Teoria 1; (intervalli, triadi, lettura)
Con il primo livello di teoria, si costruiscono le basi per una conoscenza migliore dello strumento non solo limitata alla pratica.

Corso intermedio (60 ore*)

Inizia lo studio dell’improvvisazione che permetterà di creare il proprio modo di suonare e di fare i primi “soli”. Si studieranno alcuni brani di repertorio chitarristico in vari stili per accrescere le potenzialità dell’allievo.

– Scale pentatoniche
Inizia lo studio dell’improvvisazione partendo dalla scala pentatonica.

– Scale e modi maggiori
Si amplia il discorso iniziato con la scala a cinque note studiando quella a sette, con tutti i risvolti.

– Arpeggi e pattern
Sono nuovi strumenti per ampliare il fraseggio e la tecnica di uno solo.

– Studio degli accordi 2
Si studiano nuovi accordi con tutte le alterazioni che si possono incontrare.

– Teoria 2; (lettura 2, armonizzazione scala maggiore, ear training)
Si continua lo studio della lettura, si studia l’armonizzazione della scala maggiore scoprendo gli accordi che nascono.

Inizia l’ear training cioè una guida all’ascolto e alla formazione di un orecchio musicale.

Corso avanzato (60 ore*)

25410-NVL2UAIl corso avanzato riguarda chi già suona e vuole capire i procedimenti della musica in modo più dettagliato e professionale.

– Scale minori
Si studiano le scale minori e gli accordi che si generano, ampliando così la conoscenza dello strumento.

– Fingerpicking
Studio della tecnica fingerpicking.

– Scala esatonale, diminuita, semitono-tono, tono-semitono
Si apprendono queste nuove scale che completano le possibilità dell’improvvisazione.

– Preparazione al live
Attrezzatture e trucchi per affrontare serenamente uno spettacolo dal vivo.

– Teoria 3; (lettura 3, armonizzazione scali minori, ear training, dettato ritmico e melodico)

Si continua lo studio della lettura e dell’ear training, si armonizzano le scali minori scoprendo gli accordi che nascono. L’obbiettivo del dettato ritmico e melodico è quello di rendere l’allievo in grado di scrivere da solo su uno spartito.

Corso personalizzato

In base alle esigenze e i gusti dell’allievo si tratteranno i temi che vorrà approfondire.
Non sarà importante un livello specifico se non la voglia di migliorare.
Si concorderà con l’allievo cosa studiare fornendo il materiale idoneo.

Supporti:

James Abersold – Cd e varie basi
Jody Fisher – Rhythm Guitar Encyclopedia
Dante Agostin – i Solfeggi ritmici
Ross Bolton – Funk Guitar
Bona – Metodo completo per la divisione
Andrea Avena – Teoria & Armonia I e II
Metodi e basi fornite dall’insegnante

* le ore sono indicative dello studio e della frequenza dell’allievo
I concetti soprariportanti si riferiscono solo agli argomenti maggiori.